Tornando al Passato – 49ª Parte

Viviane Freitas

  • 10
  • Ago
  • 2016

Tornando al Passato – 49ª Parte

  • 10
  • Ago
  • 2016

Chi non ha mai dovuto vivere un sacrificio per un sogno più grande?

La vita qui sulla terra è di costante sacrificio. Ciò che molti non capiscono è che il sacrificio che Dio ci chiede, è sempre quello che ci “disturba” e che ci fa sentire pesanti.

Se ami la tua vita più di Dio, puoi avere la certezza che questa diventerà più monotona. Soffrirai, ti porterà dolori, preoccupazioni, ecc.

Per questo, capisco perfettamente la parte del sacrificio, e il motivo per il quale, anno dopo anno, 2 volte all’anno, c’è il momento del sacrificio nella Chiesa Universale del Regno di Dio. Perché è necessario affinché ogni essere umano sviluppi e si perfezioni.

Il fatto di essere stata sincera e guardato per il bene di servire a Dio, ha fatto in modo che, per libera ed spontanea volontà, sacrificassi. Anche se il mio essere non lo desiderava, non vedevo un’altra alternativa, perché il dolore era davvero insopportabile. Ma guardare all’obiettivo che avevo, mi ha fatto avere coraggio per pronunciare quelle parole a Dio.

E Dio ha visto! Ha visto che non avevo forze, e per questo ha proporzionato una situazione perché davvero cadessi in me, nel momento nel quale ho guardato quel collaboratore e ho pensato che dovrei piangere per il popolo, invece di piangere per i miei problemi.

“Divertente!”, è che ogni volta che parlo di questo giorno a qualcuno, i miei occhi si riempono di lacrime, per ricordare quel determinato momento nel quale dovevo piangere per il popolo. È la parte che più mi fa male; è la parte che mi commuove sempre, anche nei giorni di oggi.

È stato Dio che mi ha fatto capire, e lì sono caduta in me stessa.
Per la Sua misericordia, Lui ci sostiene quando non abbiamo forse, ma vogliamo obbedire e servirLo.

Sarò molto sincera, avevo già fatto sacrifici di dare tutto quello che avevo, tutto l’aiuto di Julio … l’abbiamo dato tante volte. Ma nessuna volta mi ha segnata come in questo momento. Perché è stata la prima volta che ho dato la mia vita in quella busta. Anche in questo Dio mi ha insegnato: Cosa è il mio sacrificio.

Dio non vede i soldi.
Dio non vede la quantità.
Dio non vede il giorno.
Dio vede la sincerità.
Dio vede obbedienza.
Dio vede il desiderio ardente di servirLo.
Dio vede l’intimo.
Dio vede la vita.
Dio vede la consegna.
Dio vede la dipendenza.
Dio vede realmente sacrificio.

Molti “sacrificano” ma non danno la vita.
Il sacrificio che è predicato tutti i giorni in chiesa… è la vita! Non è un giorno, un mese di lavoro o un anno. È tutta la vita.

Quando ero sull’Altare consegnando il mio sogno più grande, stavo letteralmente parlando a me stessa, di lasciare quel sogno e sognare i sogni di Dio. Ma nella mia testa avrei vissuto con quel dolore per il resto della vita.

Guarda qui la vita!
Guarda qui il futuro!
Guarda qui il servire a Dio sopra di me stessa!
Guarda qui il mio intimo mettendo una regola nella mia volontà per inclinarmi a quella di Dio.
Guarda qui la Sua dipendenza e non di qualcosa per sostituire il “buco” del dolore della nostalgia.
Guarda qui la consegna dei sogni personali per sognare i sogni di Dio!
Guarda qui il fuoco dell’Altare, il chiamato di servire sull’Altare sopra dell’atrio!
Guarda qui il dolore per le anime!

Quali soldi ho dato?
Che quantità è stata?
Cosa si trovava sopra i miei sogni personali?

In quel momento, era più dei soldi che potevo dare.
In quel momento i soldi non sarebbero la mia vita o la mia dipendenza.

Mi sono sempre chiesta, nel mio intimo, cosa è che Dio voleva da me.
Ogni Fuoco Santo di Israele, o in qualsiasi altra, ho sempre indagato: “Qual è il mio sacrificio? Che cosa il Signore vuole che io consegni?”

È un’onore quando ascoltiamo specificamente cosa Lui ci chiede, perché ci fa sviluppare in tutto nella nostra vita.

E vedi una differenza di vita nella propria Chiesa Universale, tra membri e membri, collaboratori e collaboratori, pastori e pastori.

Tutti siamo provati dalle attitudini o circostanze che viviamo e scegliamo.

Ci sono momenti nei quali siamo portati, in questa vita, al sacrificio: morte, separazione, malattia, relazioni, matrimoni, problemi famigliari, ecc. Alcuni imparano a sacrificare quei dolori a Dio e altri blasfemano.

Coloro che optano di sacrificare se stessi, la loro vita, questi hanno una vita diversa dagli altri. Si distinguono per Dio e sono benedetti in tutto ciò che fanno.
E coloro che li circondano passano a riconoscere questa benedizione di Dio nella loro vita.

La vita inizia a glorificare a Dio, perché esala Dio.

Vedi che anche le testimonianza di coloro che sacrificano, la fede e la comunione é diverso. C’è grazia! C’è una fede viva! Esiste sintonia tra la persona e Dio.

Série: Il Mio Diario

Lascia un messaggio

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*