Tornando al Passato – 40ª Parte

Viviane Freitas

  • 16
  • Mag
  • 2016

Tornando al Passato – 40ª Parte

  • 16
  • Mag
  • 2016

La fede richiede la tua azione. Lei affronta anche la vergogna che può causarti, proprio per un obiettivo che lei ti trae. Ti da forze per andare avanti, fino ad arrivare dove vuoi.

E lì mi trovavo io, la “figlia del Vescovo Macedo”, uscendo dopo le riunioni con un vassoio nelle mani, come fanno i carioca, o meglio, i brasiliani, nelle spiagge e nelle strade per vendere i prodotti.

Facevo dolci e altre cose, come torte, ecc. Ma non rimanevo ad aspettare le persone alla fine della riunione. Dentro di me morivo di vergogna, ma la fede mi spingeva a fare questo.

Le persone, credo che non avevano mai visto questa scena prima nella loro vita, una moglie di pastore con un vassoio nelle mani dicendo: “Chi vuole un dolce?”

Confesso che il mio viso diventava rosso al fare questo. E allo stesso tempo, veniva la scena del viso delle persone, un po’ diffidenti, senza sapere la finalità per il quale facevo questo. Ma il mio obiettivo affrontava tutto questo, tanto i miei propri pensieri, come le circostanze intorno a me.

Andavo tutti i venerdì dopo le riunioni a vendere qualcosa.

Verinha mi aiutava. E quando lei lo faceva, le persone compravano di più.

Così stavo imparando a dover cercare la “vita” e ad avere mezzi per investire nella SBI della chiesa, poiché la chiesa aveva molte necessità e non potevo aspettare che Julio mi dia condizioni per investire.

Pian piano, mesi lavorando, iniziai ad investire in ogni parte della SBI. Tanto nelle decorazioni, come anche nei materiali e nei giocattoli da essere utilizzati per educare i bambini.

Julio non mi facilitò mai. Ma la mia disposizione nel dedicare sempre il mio meglio, mi fece avere “credibilità” con lui. E così decise di investire nelle cose più care, che erano i mobili della SBI.

E’ una pena che non ho più le foto. Le ho perse, poiché ci siamo trasferiti molte volte, per questo non ho più nessuna prova di quello che è stato fatto in quel luogo, con tanto affetto!

In quell’epoca, dato che stavo investendo con tutta la forza, ho chiesto aiuto alle mogli delle altre chiese, delle quali Julio era responsabile. Li ho chiesto se volevano aiutarmi. Potevano fare un bazar nella loro chiesa. Solo due si sono rese disponibili. Ma non mi sono fermata a lamentarmi, ho continuato nel mio obiettivo che volevo raggiungere. Ho rispettato la loro fede e ho proseguito con la mia.

Così, con forza, continuavo a fare quello che stava davanti ai miei occhi. E mi allegravo con ogni conquista.

È molto bello lottare e vedere il successo di questa lotta. Soprattutto quando la fede entra in azione, impari tanto con questa.

Questa non ti fa dipendere più da terzi per sentirti motivata, ma lottare, anche sola, però con convinzione e allegria, perché credi in quello che fai!
Grazie Dio, per questa fede, che mi proporziona molto oltre a quello che una facoltà o dottori possono orientarmi. La fede ti fa arrivare dove mai avresti immaginato.

Série: Il Mio Diario

Lascia un messaggio

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

1 comentário

  1. Molto forte!! 😀

    Vedere di più