Tornando al Passato – 19ª Parte

Viviane Freitas

  • 24
  • Nov
  • 2015

Tornando al Passato – 19ª Parte

  • 24
  • Nov
  • 2015

I giorni in California erano giorni normalmente soleggiati. La vista da dove abitavamo era un motivo che il cielo e il mare “parlasse” con noi. Il cielo di pomeriggio normalmente diventava rossastro. La vista era meravigliosa. Le notti erano piene di stelle. Un ottimo scenario per chi vuole rimanere collegato a Dio.

Nell’alto della montagna e distante da tutto, come ho detto nei Diari scorsi, aspettavo all’alba l’arrivo del mio amore. E dato che ero da poco sposata, mio marito non avvisava quando faceva ore extra nella radio.

E durante questo ritardo, senza nessuna notizia, il mio cuore batteva forte, con la paura che fosse accaduto un incidente.

D’altra parte, mio marito cercava sempre di andare oltre nel suo lavoro nell’Opera di Dio. Non l’ho mai visto aspettare un’idea. Lui cercava idee, aveva sempre ispirazioni e nella radio lui amava fare ore extra.

Questo mi faceva tanta paura. Paura che soffrisse un incidente in macchina. Molte volte, mi diceva che andava con il suono alto in macchina, per poter rimanere sveglio.

Prima che arrivasse, avevo il mio tempo con Dio. Ascoltavo le audiocassette di mio padre, “la Parola Amica”. Leggevo la Bibbia. Avevo tutti i miei momenti unici con Dio. Ma quando arrivava la prova di mostrare fiducia che si trovava tutto sotto controllo, io manifestavo una certa ansietà.

Quando Júlio arrivava, non voleva mangiare.
Non so, ma quella distanza mi insegnò ad avere sempre mancanza di mio marito. E di “tenerlo sempre stretto”.

Bene, hai presente quella coppia che si trovava con noi e che aveva una bambina adottata? Loro non sono usciti dalla chiesa, ma sono stati trasferiti in un’altra chiesa. Nello scorso Diario, facevo intendere che erano usciti, ma non è così che è successo. Siamo rimasti distanti, dato che sono andati in una chiesa molto distante dalla nostra. E ci vedevamo solo nelle riunioni di pastori.

Un paio di mesi dopo, un giorno, all’improvviso, è stato esposto quello che era nascosto dentro quel “pastore”, ed è stato scoperto che era “innamorato” di un’altra donna della chiesa.
La direzione della Chiesa prese misure necessarie per correggere quel pastore. Il caso è stato esposto a tutti i pastori e mogli di pastori.

Nel prossimo Diario dirò cosa mi ha segnato. Poiché non c’è niente di occulto che non venga ad essere rivelato. Ognuno di noi è responsabile di quello che decidiamo in questa vita.

Série: Il Mio Diario

Lascia un messaggio

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*