Tornando al Passato – 15ª Parte : La Mia Preghiera

Viviane Freitas

  • 20
  • Ott
  • 2015

Tornando al Passato – 15ª Parte : La Mia Preghiera

  • 20
  • Ott
  • 2015

E attraverso la mia intimità con Dio, ho iniziato a scoprire i miei diritti. E così ho iniziato ad esigere risposta da Dio in quello che avevo per diritto, promesso nella Sua Parola.

Volevo “perché volevo” che mio padre investisse insegnando Julio. E mio padre non aveva tempo per Julio. Poiché Julio arrivava all’alba e usciva la mattina presto. Non accettavo, in fondo, perché volevo la benedizione che mio padre aveva da darci.

Ho iniziato a pregare a Dio: “Guarda Dio, presta attenzione. Vivo 1 ora e mezza dalla chiesa. Mi trovo a casa dei miei genitori, se sono qui voglio la benedizione che mio padre ha da dare a Julio. Ma a quanto vedo, non sto avendo nessuna benedizione. Mio padre non insegna a Julio! Allora, se è così, toglici da qui. Giacché non sto ricevendo la benedizione, allora non accetto vivere a casa loro solo per godere dei vantaggi.”

E quali vantaggi avevo?
Avevo il vantaggio di avere una domestica che cucinava e faceva la pulizia completa in tutta la casa, poiché lavorava per mia madre. Avevo questo privilegio perché non era un imposizione pulire tutta la casa, stirare i vestiti, poiché quando io non lo facevo, lei lo faceva. Non spendevo niente con i conti di casa.

“Io non voglio questo! Io non sto cercando piaceri personali.” C’era una spiaggia molto vicina da casa, non avevo mai messo i miei piedi in quella sabbia, nemmeno una volta! Dal giorno in cui sono stata battezzata con lo Spirito Santo, la mia mente non si trovava nelle cose personali. “Il Signore lo sa! Io voglio la Sua benedizione.”

“Se non impareremo niente a casa dei miei genitori, allora mandami via, poiché so che vivrò una vita sacrificata. Dovrò cucinare, lavare, stirare e farò di tutto e di più, ma so che ne guadagnerò perché sarò in sacrificio.”

I miei genitori non hanno mai saputo della mia insoddisfazione; non ho mai parlato. Tutto quello che loro sanno è di quello che normalmente era visibile. Era qualcosa tra me e Dio. Nemmeno Julio sapeva di questa mia preghiera e clamore. La questione non era di non rimanere vicino ai miei genitori, ma era una benedizione che io cercavo con “unghie e denti”.

Questo era il mio obiettivo in quell’epoca. Iniziai anche ad “invidiare” le mogli che vivevano sopra l’antico cinema Million Dollar. E incredibile, quel posto era pieno di topi. Non era nemmeno a causa di un luogo umile, io volevo stare vicino a quello che poteva insegnarmi.

Non posso dire che i miei genitori non mi insegnavano, ma mi mancava vedere quel momento nel quale mio padre insegnava Julio, riguardo a quello che doveva fare, come un padre insegna al figlio. Ci sono stati quei momenti? Si, nelle riunioni di pastori. Ma non quando i due si trovavano insieme a casa. Ed era quello che io cercavo incessantemente.

Mio padre, a sua volta, aveva la testa occupata in mandare avanti l’Opera di Dio. Tanta responsabilità…

Dal giorno in cui mi sono resa conto di essere “umana”, vedo mio padre incessantemente investire il suo tempo nell’Opera di Dio. Sia in chiesa, nella parola amica dei programmi della radio, sia in Tv, e, instancabilmente, nei suoi messaggi.

Bello, ho accompagnato questo suo incessante processo. Il suo pensiero era ed è l’Opera di Dio. È ovvio che io come figlia, non vedevo solo l’Opera, ma vedevo il mio obiettivo di ricevere la benedizione di “Abramo”. E la benedizione non si trova in una posizione, e sì nell’ “essere” per Dio. E come sarebbe, se non sapessi?? Volevo l’orientamento per approfittare al massimo il tempo per imparare ad “essere” e ad esecutare.

Ma questo non poteva rimanere al di fuori! Il fatto di vedere mio padre essere usato grandiosamente da Dio per salvare anime, non poteva limitare la mia fede. Lei doveva arrivare a me. Non volevo servire a Dio solo con quello che potevo dedicare, ma volevo qualcosa che va oltre da quello che potevo spiegare. Qualcosa che mi facesse essere una “fonte” che sgorga acqua viva.

Julio è sempre stato un pastore, fin dall’inizio dell’Opera, pieno di timore. Nelle sue riunioni c’era spirito. Ma volevo qualcosa di più per lui, e per me, sicuramente.

Quella preghiera funzionò. Siamo rimasti un po’ di tempo in California e subito dopo siamo stati inviati in Texas.

Série: Il Mio Diario

Lascia un messaggio

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*