Giovani: popolarità

Silvia Alvarenga

  • 19
  • Gen
  • 2015

Giovani : popolarità

  • 19
  • Gen
  • 2015

Che cos’è la popolarità?

Perché tante giovani fanno di tutto (letteralmente) per diventare popolari a scuola, al lavoro, nei gruppetti di amiche, e (spaventatevi!) in chiesa?

La ragazza popolare è amata, ammirata e seguita da tutti o dalla maggioranza. Tutti si interessano della sua vita, parlano di lei, sono curiosi di ciò che accade nella sua vita, infine, lei è un’attrazione, tutto ciò che fa diventa una moda.
Questo è il sogno di qualsiasi giovane insicura. Lei cerca quell’amore, rispetto, ammirazione delle persone e quando ne ricevono, fanno di tutto per mantenere quello “status”.

Vende la sua personalità in cambio di essere accettata, cede alle sue convinzioni e pensieri per paura di non interessare o essere attraente alle persone. E con queste credenze, viene la frustrazione per essere qualcuno che lei non è, per avere pensieri, agire e parlare in una maniera che non viene dalla sua personalità. Tutto questo per essere accettata esteriormente.

Lei si sente povera.

Come salvare quel valore che sembra così miserabile?

Io uso un’arma molto potente:

“Studiati di presentare te stesso approvato davanti a Dio, operaio che non ha da vergognarsi, che esponga rettamente la parola della verità.”(2 Timoteo 2:15)

Correre dietro all’approvazione altrui é correre dietro al vento. Correre dietro all’approvazione di Dio è darsi valore.

Nel mezzo di quella ricerca incessante per gradire Dio diventiamo persone di valore, diventiamo persone che non siamo, perché Lui fa in modo che diventiamo persone di valore, uniche, incomparabili, vere!

Non dico che non sia giusto essere accettate o ammirate da qualcuno a scuola, al lavoro, a casa o in chiesa. È bello far parte di un gruppo. Ci piace questo. Ma quella popolarità, per chi da priorità a Dio in tutto, è appena un bonus e non una meta da essere raggiunta.

Lascia un messaggio

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*