GIOVANI: Musica

Viviane Freitas

  • 31
  • Mar
  • 2015

GIOVANI : Musica

  • 31
  • Mar
  • 2015

Mi è sempre piaciuto ascoltare la musica. Da piccola rimanevo ad ascoltare le canzoni dei cartoni animati e mi piaceva la melodia, le parole e ballare al suon del ritmo..

Col passare del tempo il mio gusto cambiò e invece di quel ritmo allegro ed innocente da bambini, passai a preferire canzoni melanconiche e romantiche principalmente quando mi ricordavo del ragazzo che mi piaceva a scuola.

Poco dopo passai a preferire un altro tipo di musica: “pesante”, parole deprimenti, parlavano dell’angoscia, delle delusioni amorose, tradimenti e nervosismo.. Mi identificavo con quel tipo di musica! C’erano delle volte che le ascoltavo dalla mattina alla sera, sempre la stessa canzone. Dato che la musica rispecchiava il mio stato, trasmetteva ciò che non riuscivo ad esprimere. Così, la musica passò ad essere il mio rifugio per godere del mio dolore. Io non volevo pensare ad una soluzione, nemmeno mi sforzavo ad uscire da quello stato depressivo e angosciato, volevo solo rimanere ferma, da sola con quei sentimenti. Vivevo nel “mio mondo” dove solo quel cantante capiva ciò che sentivo e per questo mi identificavo con lui.

Ma quando mi fu rivelata la fede intelligente, ho cominciato a PENSARE. La fede intelligente e soprannaturale ti obbliga a pensare.

Quando non pensiamo siamo estremamente influenzati, prendiamo come veritiero qualsiasi cosa che qualcuno ci dice.

Fermati e pensa se non è così:

–  Qualcuno a scuola ti dice che sei brutta, da quel momento hai iniziato a pensare che quella cosa fosse vera. Ma chi diede il potere sovrano di decidere ciò che è brutto o bello?

– Qualcuno ti dice che sei brava a disegnare e all’improvviso il tuo sogno passò ad essere un artista, architetta ecc. Perché un hobby deve diventare una professione? Un hobby è qualcosa che facciamo per distrarci, sarà che vorrò fare dalla mia distrazione il mio lavoro?

– Una canzone dice che quando sentiamo un attrazione per un ragazzo (scambio di sguardi) quello è amore a prima vista e che è destino stare con quella persona. Rimaniamo ad immaginare che quell’episodio è come nei film che vediamo è ci lanciamo in una relazione super romantico e “destinato dai cieli”…!!!

Ma quella canzone non dice che in quella relazione  il ragazzo è immaturo e la ragazza sentimentale, non dice che i due devono ancora maturare da soli per poi avere un buon rapporto in futuro, e anche non spiega i sacrifici che devono fare l’uno per l’altro!

– In televisione sentiamo che è bello mostrare il corpo perché “ciò che è buono si deve mostrare”. Ma quell’espressione non è iniziato dai commercialisti e dalle strategie di marketing per vendere prodotti? Il mio corpo è un prodotto che deve essere pubblicato per acquistarlo??!! Dove il mio valore ????

Purtroppo, molti giovani hanno pigrizia di pensare e questo non li fa sentire mai soddisfatti, vivono cercando “qualcuno” o qualcosa per identificarsi. Non cercano il proprio valore, non si fermano a pensare in ciò che è vero.

Vivere per la fede è vivere secondo un pensiero, una credenza. Quante idee e abitudini si praticano senza pensare da dove viene o quale sia l’obiettivo di quello?

Pensa a questo e scrivi alcuni esempi nei tuoi commenti…

Lascia un messaggio

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*