Giovani : Giovane Diamante

Silvia Alvarenga

  • 8
  • Set
  • 2014

Giovani : Giovane Diamante

  • 8
  • Set
  • 2014

Ci sono tre fattori che devi sapere sul diamante:

1. Sai da cos’è fatto il diamante? Dal carbone. Già è così! Da una fragile, comune e impura “pietra”. Ma come il carbone si converte in diamante? Dopo tanta, tanta pressione!

Così sono le giovani “diamanti” di oggi: cominciano insicuri, impuri, ribelli, comuni, senza rilevanza nella famiglia( e ancora di più nella società), senza nessuna istruzione, ma dato che hanno avuto come obiettivo diventare migliori per Dio, hanno sopportato altissime pressioni, hanno ascoltato parole che ferivano, ma sono rimasti puri, hanno visto cattivi esempi che sviarono molti, ma si sono mantenuti fedeli, hanno sentito il rifiuto che farebbe chiunque mollare ma hanno proseguito fermi.

Questi sono i diamanti!

2. Il diamante grezzo é opaco e senza non brillo, ma il suo valore é ugualmente elevato. Molti lo disprezzerebbero se lo vedessero per strada.
In mezzo a tutte le pietre comuni non si noterebbe, ma Dio sa esattamente il suo valore. E quelli che cercano, identificano e valorizzano i diamanti, anche lo riconoscono.

Per questo motivo non devi avere ansia, volendo “mostrare la forza” che hai, chiamando l’attenzione del tuo corpo, del tuo sapere, delle tue qualità.

3. Il diamante si lapida con…un altro diamante.
Per questo motivo scegli bene le tue amicizie. Se i tuoi amici non hanno il tuo stesso obiettivo spirituale, cosa ti porterà quell’amicizia? E ancora peggio se va contro la tua fede. Che cosa pensi che accadrà?
Il processo di lapidazione é aggressivo e si perde molto il volume del diamante. Durante il processo, cadono molti pietrischi che non sono necessarie perché il diamante brilli. E così quando “affiliamo” con altre persone di Dio: molte volte non ci piace ciò che ascoltiamo, pensiamo che il rimprovero sia un insulto ma se avessimo la visione spirituale, vedremo che ciò che “Perdiamo” nel nostro io, erano appena pietrischi che nn ci mancano nel nostro carattere.

Se ti sei identificata, condividi la tua esperienza sotto nei commenti.

Lascia un messaggio

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*