Collaboratrice che vuole l’Altare!

Luísa Texeira

  • 24
  • Set
  • 2015

Collaboratrice che vuole l’Altare!

  • 24
  • Set
  • 2015

In questi giorni parlavo con una collaboratrice che desidera l’ALTARE, che vuole essere moglie di un pastore…

Vidi nei suoi occhi il desiderio mentre parlava. Tuttavia, mentre parlavamo, feci un’osservazione affinché lei pensasse davvero nella serietà del suo obiettivo.
E le domandai: “Hai la nozione che c’è una differenza molto grande tra il VOLERE ed ESSERE l’ALTARE?

Molte vogliono e desiderano l’ALTARE, poiché DA LUI riceveranno un cambiamento di vita, una parola che porta la soluzione per i tuoi dilemmi. Per queste e altre ragioni è che desiderano l’ALTARE, ma non per la ragione giusta, che è ESSERE il proprio ALTARE.

Dire che voglio e desidero l’ALTARE non cambia niente nella mia vita, e non fa nessuna differenza, poiché sono solo parole, ma io provo che davvero questo è il mio obiettivo, quando il mio ESSERE è Uno con DIO, quando io e l’ALTARE siamo Uno!

Io sono l’ALTARE quando c’è “VIOLENZA” contro il mio “io”.

Se le mie volontà predominano; se ho un caratteraccio; se sono sentimentale al punto di abbattermi con qualsiasi chiamata di attenzione; se ho sogni e ambizioni personali per soddisfare i miei interessi; se ho impulsi, diffese e riserve, allora non SONO l’ALTARE!

Se davvero sei una Collaboratrice che ha l’obiettivo di ESSERE l’ALTARE e non solo VOLERE l’ALTARE, rimuovi immediatamente tutto ciò che ti impedisce, soprattutto il più grande di tutti gli ostacoli: L’ “io” (egoismo).

Approfitta il Digiuno di Daniele e fai ciò che deve essere fatto per ESSERE l’ALTARE.

Série: Opera di Dio

Lascia un messaggio

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*