Collaboratrice che chiede un segno…

Luísa Texeira

  • 3
  • Dic
  • 2015

Collaboratrice che chiede un segno…

  • 3
  • Dic
  • 2015

Nell’Opera di Dio esistono molte collaboratrici che rimangono bloccate a causa dei suoi limiti. Molte vivono veri conflitti dentro di sé.
Le indignazioni sono costanti e i dubbi sorgono come domande:

“Come sapere se Dio è con me?”
“Sarà che sto accompagnando correttamente?”
“Sarà che sto gradendo a Dio?”
“Come farò questo o quello?”
“Come parlare, come evangelizzare?”

Sono innumerevoli le domande che sorgono ad ogni situazione.

Gideone chiese a Dio un segno, dopo la dichiarazione che Dio gli fece:

«Ma io sarò con te e tu sconfiggerai i Madianiti come se fossero un uomo solo». Gli disse allora Gedeone: «Se ho trovato grazia ai tuoi occhi, dammi un segno che sei tu che parli con me.

(Giudici 6:16-17)

Gideone chiese un segno e Dio gli chiese il SACRIFICIO.

In quella stessa notte l’Eterno gli disse: «Prendi il toro di tuo padre e il secondo toro di sette anni, demolisci l’altare di Baal che appartiene a tuo padre e abbatti l’Ascerah che gli sta vicino. (Giudici 6:25)

In verità, il sacrificio per Dio è la risposta a tutte le nostre domande.

Se voglio sapere come vincere; se voglio essere usata da Dio e ferire i “Madianiti” (problemi, sentimenti di paura, dubbi, insicurezze, ecc.), come se fosse “un solo uomo”, ossia, senza la forza del mio braccio, solo il SACRIFICIO è il SEGNO che Dio è con me e che sarò uno strumento nelle Sue mani, per così vincere tutti i miei limiti.

Ed è questa la risposta! Fai il tuo sacrificio, quello che non hai mai fatto e che non hai avuto il coraggio di fare, e che è lì da tanto tempo, soprattutto dentro di te.. dai quel “secondo toro”, “distruggi quell’altare” di prepotenza, di orgoglio, di superbia che costruisci nel tuo interiore, e taglia una volta per tutte quella relazione con le fantasie e attrazioni quotidiane che tanto ti illudono. Sinceramente, non so cosa c’è dentro di te per sacrificare, ma posso dirti che è quello che ti indebolisce e non ti permette di andare avanti.

Pensa a questo e commenta qui cosa pensi riguardo a questo articolo.

Série: Opera di Dio

Lascia un messaggio

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*