Tornando al Passato – 67ª Parte

Viviane Freitas

  • 27
  • Dic
  • 2016

Tornando al Passato – 67ª Parte

  • 27
  • Dic
  • 2016
Quando sono arrivata, all’inizio, in Inghilterra, ho visto una figlia di pastore in mezzo a tutta la chiesa e ho detto a me stessa: “Investirò in lei”.

Sai quella voce, quel desiderio di aiutare qualcuno per Dio? Era esattamente questo. Avevo sentito che non era salda con Dio. Per questo, l’ho guardata come qualcuno da aiutare.

Non so dire il perché, ma mi sono sempre piaciute le sfide che esercitassero la mia fede. Non per farmi vedere. Era qualcosa interno che volevo dare, per onorare a Dio e guadagnare anime.

A volte la persona é circondata da tante persone, e anche essendo di Dio, non riesce a vedere l’opportunità di offrirGli, vite.

Così come sapevo dei miei conflitti, sembrava che vedevo con più intensità la necessità degli altri. Ma non facevo questo con tutti. In questo caso, la ragazza giovane, figlia di pastore, é stata la mia prima iniziativa di vedere qualcuno, in mezzo a tante altre persone.

Lei lavorava con suo padre nella manutenzione della chiesa; come sua segretaria. Anche la mamma era coinvolta con la parte di ricevere pastori e con la rassegna. La coppia era, ed é fino ad oggi, molto dedicata, onesta e serva. Lei aveva una sorella più piccola, la quale aiutava molto la mamma con i compiti di casa. La sorella era super talentosa in tutti gli aspetti. Ma i miei occhi erano rivolti soprattutto alla sorella più grande, perché era la più difficile.

Mi ricordo che c’é stata una volta che Julio doveva fare un viaggio, di un giorno. Ritornava il giorno dopo. E per questo, é sorta un’opportunità di uscire con un gruppo di mogli e anche con loro. Ho chiesto ai genitori, se potevo uscire con le sue figlie, e loro mi hanno dato il permesso.

Sarebbe stata la mia prima uscita con il fine di passeggiare in Inghilterra, mossa dalla mia iniziativa. Questa passeggiata aveva l’obiettivo di avvicinarmi a loro e presentare un Gesù meraviglioso. Siamo usciti la mattina e siamo tornati a casa verso le mezzanotte.

Siamo andati in tanti luoghi in Inghilterra, in metro, abbiamo pranzato, e per finire siamo andate al cinema. Ho fatto ciò che penso non avevo mai fatto, nemmeno per me stessa. Ma l’ho fatto con l’obiettivo di avvicinarmi a loro.

Sai quando l’anima ha tanto valore per te, che vuoi fare qualcosa per avvicinarti, con l’unico interesse di salvarla dall’inferno?

Così é stato, e poco a poco ho inventato per avvicinarmi a quest’anima. Sono andata, incluso, a casa loro, per fare frittelle.

Abitavamo tutte in chiesa. E anche abitando nello stesso posto, era molto difficile incontrarci. Allora dovevo creare certe opportunità. Il giorno dopo, ho fatto del riso e l’ho dato alla famiglia. Così, pian piano, mi avvicinavo. Fino a che un giorno, mi ha scritto un e-mail ringraziando per l’attenzione. E io ho chiesto qualcosa di più da lei. Le ho detto di darmi l’opportunità di essere sua amica. Non volevo solo dei ringraziamenti, volevo che contasse con me per le sue difficoltà. Volevo aiutarla.

E così é stato… ha iniziato a raccontarmi riguardo alle sue difficoltà e ho potuto aiutarla, consigliandola, ecc.

Oltre al suo lavoro, a volte doveva contattarmi per alcune decisioni che doveva prendere, e lì condividevamo momenti di conversazioni.

Non ero quella persona che assillava, perché avevo altre responsabilità. Ma volevo dare quello che vedevo come necessità, quando affrontavo i miei propri conflitti. Così, davo attenzione, orientamento, ascoltavo senza condannare e orientavo.

Mentre facevo questo, cercavo di sapere con sua madre, come si comportava a casa. Le chiedevo anche, se c’era qualcosa che aveva bisogno di lavorare, che mi parlasse, poiché non la conoscevo così bene, per il poco tempo che abbiamo trascorso insieme. Ciò che avevamo erano opportunità create, che io mi aggrappavo per guardagnare la sua anima.

E così era.

Sai che il mio obiettivo in relazione a qualcosa, mi ha fatto sforzare in qualcosa che non era nel mio quotidiano? Ma questo obiettivo mi ha permesso di espandere la mia visione, scoprire nuove cose che non avrei mai scoperto se mi trovassi nel mio mondo egoista.

Ringrazio molto Dio per questa fede, che mi insegna sempre, che mi incentiva a sfidare me stessa. Mi insegna a servire, allo stesso tempo che investe in me come persona.b043f7aa3bc26d869a1811cf0b34e4d4

Série: Il Mio Diario

Lascia un messaggio

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*